CERCA

dal nostro archivio

  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
Comunicato stampa 15 giugno 2013 PDF Stampa E-mail

Condanna della Rete Antifascista Milanese sul raduno neonazista europeo a Milano

La RAM, Rete Antifascista Milanese, è fortemente preoccupata dell’arrivo nella nostra città, Medaglia d’Oro della Resistenza, di elementi naziskin e neonazisti provenienti da tutta Italia e dall’Europa, per un concerto/raduno in memoria di Hitler, che si terrà oggi 15 giugno in un capannone di Via Toffetti nella periferia milanese.

Inoltre, manifestiamo la nostra indignazione per il ripetersi di iniziative di matrice chiaramente fascista e nazista che costituiscono una grave provocazione ed offesa per la nostra città, per l'aperto richiamo al nazifascismo e per i contenuti razzisti e xenofobi propagandati da questi gruppi, che si contrappongono radicalmente ai nostri valori di pace, di democrazia e di solidarietà.

La Rete Antifascista Milanese esprime anche una forte contrarietà per come la Questura di Milano ha gestito l’evento senza informare le istituzioni della città, senza avviare un confronto democratico per chiedere se Milano intendeva ospitare queste bande di delinquenti.

Per questo chiediamo al signor Questore e al signor Prefetto di assumersi fin da ora la responsabilità di ciò che potrebbe accadere in città, così come intendiamo nelle prossime ore chiedere spiegazione di questo silenzio nei confronti della città, autorizzando qualcosa che va contro la Costituzione e i fondamenti della nostra Repubblica.

Rete Antifascista Milanese.