CERCA

dal nostro archivio

  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
  • dal nostro archivio
PDF Stampa E-mail

I DUE PROCESSI

Varalli

  • Il processo per l'omicidio di Claudio Varalli si svolge in primo grado il 5 dicembre 1978.

  • Antonio Braggion è dichiarato colpevole di eccesso colposo in legittima difesa putativa e dei reati continuati di detenzione e porto abusivo di pistola e quindi condannato a 10 anni carcere, di cui 2 condonati.

  • Il Pubblico ministero e i legali di Parte civile presentano appello contro la sentenza. Lo stesso fanno i legali di Braggion che avevano chiesto l'assoluzione per "legittima difesa".

  • Il processo d'appello si apre e chiude il 23 marzo 1981.
  • Antonio Braggion è dichiarato colpevole di eccesso colposo di legittima difesa putativa e di detenzione di armi, come in primo grado, ma in virtù della concessione delle attenuanti generiche la condanna scende a 6 anni e 200.000 lire di multa.
  • Il 26 ottobre 1982 la Corte di Cassazione dichiara prescritto il reato di eccesso colposo di legittima difesa. La condanna a 3 anni per la detenzione illegale della pistola usata per uccidere Claudio Varalli è interamente coperta dal condono.

 

  

Zibecchi

  • Il processo per l'omicidio di Giannino Zibecchi si svolge il 15 ottobre 1979, presso la IV sezione del Tribunale di Milano .
  • Sono rinviati a giudizio 3 carabinieri, imputati per " in concorso colposo fra loro aver cagionato la morte di Giannino Zibecchi per colpa aggravata dalla previsione dell'evento"
  • Il 27 ottobre 1979 la Corte rinvia tutti gli atti del processo alla Procura perché compia una nuova istruttoria che ridefinisca le responsabilità dei tre attuali imputati e consideri la responsabilità di ufficiali superiori.
  • La Procura, il 10 gennaio 1980, rimette gli atti alla Corte di Cassazione che, il 14 aprile successivo, accoglie l'opposizione e ritrasmette gli atti al Tribunale perché proceda nel giudizio.
  • La prima udienza viene fissata per il 12 novembre 1980.
  • Il giorno 27 novembre 1980 la Corte emette la sentenza: tutti assolti.
  • Questa sentenza mette praticamente fine al percorso giudiziario del "caso Zibecchi".

 

la vicenda processuale Zibecchi